Le insalate di Guglielmo Alessio coltivate con la modalità Out Ground

Le insalate di Guglielmo Alessio coltivate con la modalità Out Ground

guglielmo alessio

Agronomia è un’azienda con sede legale a Bergamo e diverse sedi produttive sparse in Italia ed in Germania. Guglielmo Alessio è l’imprenditore che ha permesso alla sua azienda di passare dall’essere una piccola realtà locale alla conquista del mercato di mezza Europa. Nel cuore del Salento, in provincia di Lecce, è situato uno stabilimento di grandi dimensioni in cui è praticata la tecnica Out Ground, un sistema di coltivazione in serre messo a punto e perfezionato grazie ad anni e anni di studi, ricerche e analisi. Grazie all’espansione del 2014, culminata con l’inaugurazione di uno stabilimento in Baviera (Germania), la rete commerciale dell’azienda è cresciuta esponenzialmente arrivando a conquistare una buona porzione del mercato europeo. In totale, Agronomia Srl è proprietaria di oltre 130 ettari di terreno. Per il futuro l’obiettivo di Guglielmo Alessio ed il suo staff è quello di ampliare i propri rapporti commerciali nella direzione del Regno Unito e degli Emirati Arabi.

Guglielmo Alessio, prima di fondare Agronomia Srl, fondò Custiodia Srl nel lontano 1989. Si tratta di una società di consulenza e strategica e professionale che propone interventi a supporto dell’alta direzione delle piccole e medie imprese italiane. Maggiori informazioni a riguardo potete reperirle sul loro sito web ufficiale.

Tornando ad Agronomia Srl, nello stabilimento salentino, ed in misura minore anche negli altri, si utilizza un sistema di coltivazione definito Out Ground. Agronomia, in collaborazione con diversi enti e gruppi di ricerca tra cui l’Università del Salento, ha sviluppato questa tecnica con l’obiettivo principale di ridurre le concentrazioni dei nitriti nei prodotti finali. Il prodotto alimentari maggiormente commerciati e prodotti dall’azienda in questione sono insalate di vario tipo e rucola, imbustate e lavate per poi essere vendute nei principali supermercati italiani e non, come Conad, Eurospin e Esselunga.

Il sistema Out Ground, ottimizzato nel corso degli anni, garantisce una serie di vantaggi che vanno oltre all’obiettivo iniziale, ossia quello di ridurre la concentrazione di nitriti nel prodotto finale. Uno di tali vantaggi è, per esempio, una durata del ciclo produttivo minore (quello del lattughino arriva ad appena 20/25 giorni in estate), mentre aumenta la produttività per unità di superficie; l’ambiente ed i parametri interni alla serra, dalla temperatura all’umidità passando per il quantitativo di radiazioni, sono monitorati costantemente da un sistema di controllo computerizzato detto Galcon in grado di correggerli tempestivamente, l’ambiente così controllato è meno suscettibile all’attacco di parassiti ed infestanti; l’utilizzo di agenti chimici e fitofarmaci è quasi nullo; l’utilizzo di acqua e altri nutrienti è esente da sprechi. Il terreno utilizzato è un mix tra torba vermiculite e perlite, il cui rapporto sarà soggetto a variazioni nel caso si trovi un compromesso migliore nelle diverse fasi climatiche. Le serre sono suscettibili a modifiche nel corso dell’anno, durante l’estate, per esempio, vengono utilizzati particolari teli in grado di ridurre del 30% l’effetto delle radiazioni solari.

Cristina

I commenti sono chiusi